#TOP 10!, Beauty

Tendenze Low-poo: ho provato il Low Shampoo Elvive di L’Oreal Paris

Quando si hanno i capelli lunghi, grassi e spessi, capita di passare sotto la doccia minuti interminabili per cercare di districare i nodi.  Shampoo, maschera, balsamo, trattamenti speciali hanno inoltre tempi di posa da rispettare per ottenere l’effetto desiderato. A chi poi non è mai capitato di uscire dalla doccia dopo tutti questi trattamenti e di accorgersi che i capelli non ne hanno tratto giovamento? A me è capitato spessissimo, fino a che non ho provato il Low Shampoo Elvive di L’Oreal Paris.

 

Low Shampoo Elvive di L’Oreal

Cos’è Low Shampoo Elvive

Il nome Low Shampoo Elvive di L’Oreal Paris non vi suonerà di certo nuovo, anzi. Per tutta l’estate non si è fatto altro che parlare del metodo Low-poo, metodo per lavarsi i capelli che prevede l’uso di pochissimo shampoo o addirittura il suo non-impiego durante il lavaggio.

Già da tempo, in realtà, i sostenitori della teoria Low-poo sconsigliavano di utilizzare shampoo per lavare i capelli. Le motivazioni sarebbero legate alla composizione degli shampoo, che al loro interno hanno una quantità eccessiva di solfati che danneggerebbero, a lungo andare, la fibra del capello.

L’Oreal, proprio alla luce di queste teorie, ha realizzato il Low Shampoo Elvive, uno shampoo senza solfati che promette di rendere il capello più nutrito, meno secco e più lucente facendo a meno del balsamo.

Come si usa Low Shampoo Elvive

L’utilizzo di Low Shampoo Elvive è davvero semplice: per ottenere i risultati promessi da L’Oreal, basterà applicare la mousse sui capelli già umidi/bagnati (io di solito li bagno molto), partendo dalla radice e arrivando fino alle punte.

Di solito, premo circa 15 volte la pompetta sul palmo della mano, dopo di che divido il prodotto su entrambe le mani. Metto inizialmente il prodotto di una mano tutto sull’attaccatura dei capelli e stendo la restante sulla nuca.

Bagno leggermente entrambe le zone in cui ho applicato Low Shampoo Elvive e poi, stando lontana dal getto d’acqua, inizio a passare le dita tra i capelli distribuendo bene il prodotto.

Di solito, districo i capelli per 3/4 minuti, tempo che occorre a Low Shampoo Elvive per agire sul capello.

Prima di risciacquare, strofino anche la cute, come se stessi usando uno shampoo tradizionale, in modo da arrivare fino all’attaccatura del capello. A questo punto, risciacquo abbondantemente tutte le lunghezze e la cute. E sì, senza altri trattamenti e senza usare maschera o balsamo esco dalla doccia.

Vantaggi e Svantaggi di Low Shampoo Elvive

Ormai uso Low Shampoo Elvive di L’Oreal Paris da più di un mese e mezzo: i risultati sono sorprendenti.

L’effetto di lucentezza e la rapidità con cui i nodi si districavano si notava molto di più quando ero al mare in realtà.  Lavando i capelli ogni giorno, erano sempre nutriti e senza crespo.

Sto continuando tutt’ora ad utilizzare Low Shampoo Elvive: passo molto meno tempo sotto la doccia, i capelli sono leggeri ma nutriti e l’effetto crespo è sparito del tutto. Se però, come a volte capita, non lavate i capelli per 3-4 giorni, o li lavate male, l’azione di questo shampoo risulta un po’ debole. Per questo, talvolta mi è capitato di dover utilizzare un balsamo dopo il lavaggio.

Quello che vi consiglio è comunque di fare, almeno una volta alla settimana, una maschera nutriente, soprattutto se come me avete i capelli colorati. Esiste in realtà anche la versione di Low Shampoo Elvive, studiata appositamente per i capelli trattati.

Per dare nutrizione al capello una buona maschera resta però, almeno ogni tanto, necessaria.

per tutte le info, rimando al sito ufficiale http://www.loreal-paris.it/low-shampoo.aspx

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *